Spaghetti al sugo di panocchie

panocchia

Una ricetta classica e semplice.

Questo e’ il periodo migliore per cucinare le panocchie o cicale di mare che dir si voglia,sono “piene” e si trovano in abbondanza e quindi costano meno.

Sciacquate le sotto l’acqua corrente le panocchie (700 gr.) e con le forbici tagliate le antenne e le zampette e praticate un taglio sul dorso per permettere la fuoriuscita di parte della polpa.

Scottate dei pomodori maturi (700 gr.) in acqua bollente.

Lasciateli raffreddare e togliete la pellicina e i semi.

Scaldare ora l’olio (4 cucchiai) in un ampia padella con uno spicchio d’aglio, da togliere appena imbiondito, e del peperoncino.

Aggiungete le panocchie, rosolare per 5 minuti e sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco.

Ora giù i pomodori e aspettate 12-13minuti la cottura aggiustando di sale.

Cuocere gli spaghetti 400 gr. (ho scelto gli spaghetti 600.27 di Carla Latini)


Rivisitazione:

Due rivisitazioni proposte da me prevede la sottrazione del pomodoro e l'aggiunta di tartufo nero in una e quella dello zafferano in fili(sciolto in acqua tiepida) nell'altra.

Una lacrima sul frigo